sabato 30 luglio 2016

ASSESTAMENTO DI BILANCIO: IL NO DEL M5S

Mercoledì scorso abbiamo votato contro l'assestamento di bilancio approvato in consiglio comunale. L’aspetto maggiormente critico ci è sembrato quello relativo alla previsione di spesa per consulenze e incarichi esterni per circa 100.000 euro. Da sempre sosteniamo di essere, in linea di massima, contrari al conferimento di incarichi esterni, perché riteniamo che prima di tutto vadano valorizzate al meglio le risorse interne dell’ente. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.
Oltre 36mila euro (di cui 14mila a carico del nostro Comune) saranno destinati per uno studio di fattibilità sull’unione dei comuni tra Suzzara, Motteggiana, Pegognaga, Moglia e Gonzaga, annunciata nei giorni scorsi nel corso di una conferenza stampa. Se è vero che, secondo quanto sostengono gli esperti e vedendo la prassi seguita in Italia negli ultimi anni, le unioni risultano spesso essere la fase antecedente o in qualche modo preparatoria alle fusioni, è altrettanto vero che non più tardi di un anno fa il Partito Democratico, attraverso suoi esponenti o simpatizzanti, aveva letteralmente invaso le pagine dei giornali locali di lettere pro-fusione, in cui si sottolineavano i vantaggi di una simile operazione rispetto agli svantaggi derivanti dalle unioni.
Sembra chiaro che dopo la scelta dell’unione fra Motteggiana e Pegognaga, il Pd suzzarese abbia incassato una grossa sconfitta sul piano degli equilibri a livello provinciale e che la decisione di avviare uno studio di fattibilità sull’unione sia di fatto l’ammissione di questa sconfitta.
Ancora una volta, però, come già avevamo fatto notare un anno fa, si compie una scelta senza avere prima informato i cittadini, essersi consultati con la cittadinanza. E’ un modo di procedere che non condividiamo, che sembrerebbe confermare il peso dei partiti in decisioni di questo tipo. Poi sul fatto di questa unione fra così tanti comuni nutriamo non poche perplessità per la vastità del territorio e i possibili costi che sarebbero a carico del comune capofila che sarebbe Suzzara, come si vede dagli stessi costi dello studio di fattibilità.
Altri incarichi professionali verranno affidati per studiare il recupero di Villa Grassetti (30.000 euro) e del teatro Guido (30.000 euro),  prima ancora di capire cosa si voglia fare dentro questi contenitori.
Vi sono poi 15.000 euro destinati al potenziamento degli spazi scolastici: abbiamo chiesto maggiori informazioni, ma la maggioranza è stata molto vaga. Si parla di possibili ampliamenti di sedi scolastiche senza ancora precisare quali.
Alla viabilità saranno riservati altri due incarichi professionali per due studi di fattibilità: uno per il collegamento ciclo-pedonale tra l'abitato di Roncobonoldo e il centro e l'altro per il percorso ciclabile che collegherà Suzzara alla frazione di Tabellano, richiesto dai cittadini attraverso una raccolta firme qualche mese fa. Su queste due opere (presenti anche nel nostro programma elettorale), ovviamente, non possiamo che essere d'accordo, perché da due anni chiediamo di investire nella mobilità sostenibile. Tuttavia, di fronte a tutte questi studi di fattibilità stupisce che ancora una volta sia stata ignorata la questione di via Nievo-via Villa Inferiore, sostenuta da centinaia di firme e da anni di proteste.

giovedì 28 luglio 2016

BOCCIATA LA MOZIONE PER LO STOP AL GLIFOSATO: GRAZIE PD!


Ieri sera in consiglio comunale il Partito Democratico ha bocciato la mozione con cui il M5S ha chiesto lo stop all'utilizzo del glifosato sul territorio comunale. Per il Pd i pareri su questa sostanza sono discordanti a livello scientifico: "Non siamo in grado di decidere scientificamente, ma dobbiamo prendere delle decisioni che hanno impatto sui cittadini ma anche sulle attività" dicono i consiglieri di maggioranza, che spiegano come il glifosato sia stato inserito dall'OMS nello stesso elenco in cui è presente il caffè!
Beh, c'è una bella differenza tra una tazza di caffè e questo pericoloso erbicida che si insinua nell'acqua e nel terreno ed entra di fatto nella catena alimentare. A nulla è valso chiedere di applicare il principio di precauzione citando studi e ricerche autorevoli. Per questa maggioranza non ci sono ancora argomenti validi per vietarne l'utilizzo. Inoltre, come alcuni consiglieri del Pd hanno fatto notare si potrebbe andare incontro a possibili ricorsi da parte del mondo agricolo. Quindi, teniamoci il glifosato per ora, finché non vi saranno maggiori certezze!
Una mozione approvata all'unanimità in numerose realtà italiane (Reggio Emilia, Verona, Riva del Garda, Rovereto, Arco...) a Suzzara, ancora una volta, è pura fantascienza. 

martedì 26 luglio 2016

ECO-COMPATTATORI E STOP AL GLIFOSATO: INTERPELLANZA E MOZIONE DEL M5S DOMANI IN CONSIGLIO

Domani sera alle 21 torna a riunirsi il consiglio comunale. La seduta sarà aperta da un'interpellanza del MoVimento Cinque Stelle, con cui chiediamo maggiori informazioni sulla mancata installazione di eco-compattatori sul territorio comunale. Infatti, dopo la nostra mozione, approvata in consiglio comunale oltre un anno fa, con cui l’amministrazione comunale si impegnava a promuovere e favorire attraverso opportune iniziative l’installazione sul territorio comunale di eco-compattatori in corrispondenza di aree pubbliche, scuole, esercizi commerciali e aziende private, al fine di innescare un circolo virtuoso finalizzato alla progressiva diminuzione della quantità di rifiuto indifferenziato, di questi dispositivi non vi è traccia a Suzzara.
Nel corso della serata, inoltre, presenteremo una mozione per chiedere all’amministrazione comunale di vietare definitivamente e in maniera permanente l’impiego di tutti i prodotti a base di glifosato nel trattamento delle aree pubbliche e nel giardinaggio domestico, nell’interesse primario della salute dei cittadini e della tutela dell’ambiente e delle acque.
Il glifosato è il principio attivo dei diserbanti chimici più venduti al mondo e, nonostante numerose evidenze scientifiche ne riconoscano i rischi per la salute dell’uomo, classificandolo come possibile sostanza cancerogena, e per l’ambiente, è ampiamente usato in ambito agricolo, ma anche nel trattamento degli spazi urbani, nei bordi stradali e perfino nel giardinaggio domestico.
A livello nazionale, nel 2014 su 1.284 punti di monitoraggio delle acque superficiali, 274 (21,3%) hanno livelli di concentrazione superiore ai limiti di qualità ambientali. Purtroppo la Lombardia, con il 55,4% dei punti oltre questi limiti, ha il livello più elevato di non conformità: tra le sostanze che determinano il maggior numero di casi di superamento dei limiti vi sarebbe proprio il glifosato.
La mozione del M5S chiede, inoltre, di dare mandato agli enti preposti al controllo più punti di monitoraggio sul territorio.
La seduta si terrà presso il centro culturale "Piazzalunga" di viale Zonta e sarà videoregistrata, ma non vi sarà diretta streaming per motivi di carattere tecnico. La videoregistrazione sarà, comunque, disponibile sul sito del Comune nei prossimi giorni.

lunedì 18 luglio 2016

DOVE SONO GLI ECO-COMPATTATORI?

Nei giorni scorsi il MoVimento Cinque Stelle ha depositato un’interpellanza per chiedere maggiori informazioni sulla mancata installazione di eco-compattatori sul territorio comunale. Infatti, dopo la nostra mozione, approvata in consiglio comunale oltre un anno fa, con cui l’amministrazione comunale si impegnava a promuovere e favorire attraverso opportune iniziative l’installazione sul territorio comunale di eco-compattatori in corrispondenza di aree pubbliche, scuole, esercizi commerciali e aziende private, al fine di innescare un circolo virtuoso finalizzato alla progressiva diminuzione della quantità di rifiuto indifferenziato, di questi dispositivi non vi è traccia a Suzzara.
Gli eco-compattatori sono dei contenitori per la raccolta differenziata in grado di compattare tappi di plastica, bottiglie in PET (o altri materiali plastici) e alluminio, grazie ai quali il volume del rifiuto viene ridotto di venti volte e consegnato direttamente alle aziende di riciclaggio senza passare dalla discarica, per essere separato e compresso, né dai siti di stoccaggio. Oltre a limitare l’impatto ambientale, l’eco-compattatore garantisce un risparmio economico, soprattutto nel lungo periodo: in 12 mesi può contrarre del dieci per cento il consumo di carburante per il trasporto dei rifiuti e aumentare del 4,5 per cento la quantità di plastica raccolta, sottraendola dalla immondizia indifferenziata, che rappresenta un costo non indifferente per le amministrazioni cittadine.
Questi dispositivi, sempre più diffusi presso numerosi comuni italiani, possono essere installati presso aree pubbliche, scuole, musei, supermercati, cinema e teatri, aziende private; grazie ad apposite tessere e alla possibilità di misurare la quantità di plastica e alluminio destinata al riciclaggio da parte di ogni singolo cittadino, si potrebbe attuare su larga scala il principio secondo cui più si ricicla, più si risparmia. Inoltre, in molte realtà italiane, grazie ad apposite convenzioni, i cittadini virtuosi vengono premiati con buoni per la spesa o validi per particolari sconti.
Con questa interpellanza, che sarà discussa nel prossimo consiglio comunale, il M5S chiede di conoscere con precisione i motivi alla base della mancata installazione degli eco-compattatori sul territorio comunale e se l’amministrazione intenda dare attuazione all’impegno assunto con l’approvazione della mozione, precisando modalità e tempi di realizzazione.

lunedì 11 luglio 2016

STOP AL GLIFOSATO: MOZIONE DEL M5S DI SUZZARA

Nei giorni scorsi il gruppo consiliare del MoVimento Cinque Stelle di Suzzara ha depositato una mozione per chiedere all’amministrazione comunale di vietare definitivamente e in maniera permanente l’impiego di tutti i prodotti a base di glifosato nel trattamento delle aree pubbliche e nel giardinaggio domestico, nell’interesse primario della salute dei cittadini e della tutela dell’ambiente e delle acque.
Il glifosato è il principio attivo dei diserbanti chimici più venduti al mondo e, nonostante numerose evidenze scientifiche ne riconoscano i rischi per la salute dell’uomo, classificandolo come possibile sostanza cancerogena, e per l’ambiente, è ampiamente usato in ambito agricolo, ma anche nel trattamento degli spazi urbani, nei bordi stradali e perfino nel giardinaggio domestico. E’ tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata e, infatti, è uno dei contaminanti principali delle acque, come ampiamente confermato da dati internazionali e il suo uso è aumentato rapidamente anche in seguito allo sviluppo di coltivazioni geneticamente modificate sempre più resistenti alla sostanza.
L’uso estensivo e sistematico del diserbo mette a rischio la salute degli operatori e della popolazione nebulizzando un prodotto chimico tossico, che agisce a distanza di vari giorni lungo le strade e negli abitati; abbassa drasticamente la biodiversità vegetale e animale e la capacità di autoregolazione dei numerosi habitat seminaturali che garantiscono, oltre a un aspetto gradevole, la funzionalità e la biodiversità biologica delle scarpate stradali.
A livello nazionale, nel 2014 su 1.284 punti di monitoraggio delle acque superficiali, 274 (21,3%) hanno livelli di concentrazione superiore ai limiti di qualità ambientali. Purtroppo la Lombardia, con il 55,4% dei punti oltre questi limiti, ha il livello più elevato di non conformità: tra le sostanze che determinano il maggior numero di casi di superamento dei limiti vi sarebbe proprio il glifosato.
La mozione del M5S chiede, inoltre, di dare mandato agli enti preposti al controllo più punti di monitoraggio sul territorio.

venerdì 1 luglio 2016

ORARI RIDOTTI PER SALE E SLOT: MOZIONE APPROVATA!

Ieri sera il consiglio comunale ha approvato all'unanimità la mozione del MoVimento 5 Stelle che chiedeva una riduzione degli orari di apertura delle sale e di funzionamento degli apparecchi da gioco in tutti gli esercizi del territorio suzzarese.
Si tratta di un risultato molto significativo, perché aggiunge un altro tassello al nostro impegno concreto per contrastare l’insorgere di fenomeni devianti nell’utilizzo degli apparecchi da gioco, a tutela, soprattutto, di giovani ed anziani, fruitori forse più fragili e meno consapevoli, che possono cadere in vere forme di dipendenza patologica.
Con questa mozione abbiamo chiesto che l’amministrazione comunale, attraverso l'emissione di un'ordinanza del sindaco, si impegni a stabilire la disciplina degli orari di esercizio delle sale da gioco e di utilizzo degli apparecchi di intrattenimento e svago con vincite in denaro negli esercizi presenti nel territorio comunale ovvero presso bar, ristoranti, alberghi, rivendite di tabacchi, esercizi commerciali e ricevitorie, in modo che l’orario di apertura o di funzionamento degli apparecchi venga ridotto esclusivamente alla fasce orarie comprese dalle ore 9 alle 12 e dalle ore 18 alle 23.
Un altro risultato conseguito dal M5S a Suzzara in questi primi due anni di mandato, che conferma il nostro impegno costante verso le fasce più deboli della popolazione.