giovedì 30 giugno 2016

INTERPELLANZA SUL LAVORO E MOZIONE CONTRO LE SLOT STASERA IN CONSIGLIO

Stasera torna a riunirsi il consiglio comunale. All'ordine del giorno vi sono due atti presentati dal MoVimento 5 Stelle: un'interpellanza sul tema del lavoro e la mozione per contrastare il gioco d'azzardo.
L'interpellanza riguarda ancora il caso degli operai della ex Tasselli: abbiamo chiesto se e quali iniziative concrete abbia avviato l’Amministrazione comunale per dare una risposta concreta a questa problematica e se il Sindaco e la Giunta comunale abbiano provveduto a incontrare i lavoratori per verificare le singole situazioni di precarietà e tentare di individuare possibili soluzioni.
Con la mozione, invece, chiediamo che l’amministrazione comunale si impegni a stabilire la disciplina degli orari di esercizio delle sale giochi e di utilizzo degli apparecchi di intrattenimento e svago con vincite in denaro negli esercizi presenti nel territorio comunale ovvero presso bar, ristoranti, alberghi, rivendite di tabacchi, esercizi commerciali e ricevitorie, in modo che l’orario di apertura o di funzionamento degli apparecchi venga ridotto esclusivamente alla fasce orarie comprese dalle ore 9 alle 12 e dalle ore 18 alle 23. 
Riteniamo che debba essere adottato ogni mezzo a disposizione dell’Amministrazione comunale a tutela della propria comunità, volto a limitare l’uso degli apparecchi e dei congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da gioco d’azzardo. Come già accaduto in altri comuni, è facoltà del sindaco usare lo strumento dell’ordinanza per disciplinare gli orari di funzionamento degli apparecchi d’intrattenimento con lo scopo di contrastare l’insorgere di fenomeni devianti nell’utilizzo degli stessi, tenendo conto che fra i fruitori vi sono giovani ed anziani, soggetti forse più fragili e meno consapevoli che possono cadere in vere forme di dipendenza patologica.

martedì 28 giugno 2016

CONSIGLIO APERTO SULLE SCUOLE: SUZZARA PARTECIPA!

Il fatto che in una realtà come Suzzara i cittadini abbiano iniziato a comprendere l’importanza di partecipare e di voler dire la loro sulle scelte di chi amministra ci sembra molto significativo e rappresenta, se vogliamo, anche un piccolo segnale di cambiamento sul quale il MoVimento Cinque Stelle insiste sin dalla sua nascita, nella nostra città.
Le critiche e, in qualche caso, le ennesime insinuazioni del Partito Democratico sui presunti secondi fini dell'iniziativa, promossa dal M5S e dagli altri gruppi di minoranza, ieri sera sono cadute nel vuoto e sono state sonoramente commentate con cenni di disapprovazione dal pubblico presente in sala, che, invece, ha ringraziato per l'opportunità ricevuta di un nuovo confronto e ha attaccato pesantemente la maggioranza.
Uno a uno, cittadini e docenti, si sono alternati al microfono per portare la loro testimonianza e chiedere spiegazioni sull'assegnazione delle nuove aule del plesso "Marco Polo". In molti hanno dichiarato di "sentirsi non ascoltati da questa amministrazione".
Il M5S ha chiesto che fosse reso pubblico il verbale relativo al sopralluogo effettuato nelle scorse settimane nei due comprensivi, che era stato proposto proprio al fine di consentire all'amministrazione comunale di prendere una decisione in merito alle nuove aule. Purtroppo, ieri sera, abbiamo appreso dall'assessore Zaldini che non esiste alcun verbale di quel sopralluogo! Questo non ha fatto altro che accrescere il malcontento dei presenti e noi stessi siamo rimasti sconcertati.
Le reali motivazioni alla base dell'assegnazione degli spazi non sono emerse dal confronto e le osservazioni formulate dal pubblico sono state respinte al mittente una a una. Come hanno detto i cittadini stessi, il dialogo con chi amministra non ha funzionato e non funziona. In molti, al termine della seduta, hanno avuto la percezione di trovarsi di fronte a un muro invalicabile. Eppure, è proprio da iniziative come quella di ieri sera, attraverso la partecipazione e il confronto diretto tra cittadini e amministratori, che può iniziare il cambiamento. Anche a Suzzara.

martedì 21 giugno 2016

MOZIONE M5S: ORARI RIDOTTI PER SALE E APPARECCHI DA GIOCO

Continua l’azione di contrasto al gioco d’azzardo del M5S di Suzzara: nei giorni scorsi abbiamo depositato una mozione con cui chiediamo una riduzione degli orari di apertura delle sale e di funzionamento degli apparecchi da gioco in tutti gli esercizi del territorio comunale. Si tratta di un nuovo attacco sferrato alle slot, dopo l’introduzione di sgravi fiscali sulla tariffa dei rifiuti per quegli esercizi che rinunciano agli apparecchi slot e videolottery, adottato dal Comune in seguito alla nostra mozione, approvata dal Consiglio comunale nel novembre del 2014.
Riteniamo che debba essere adottato ogni mezzo a disposizione dell’Amministrazione comunale a tutela della propria comunità, volto a limitare l’uso degli apparecchi e dei congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da gioco d’azzardo. Come già accaduto in altri comuni, è facoltà del sindaco usare lo strumento dell’ordinanza per disciplinare gli orari di funzionamento degli apparecchi d’intrattenimento con lo scopo di contrastare l’insorgere di fenomeni devianti nell’utilizzo degli stessi, tenendo conto che fra i fruitori vi sono giovani ed anziani, soggetti forse più fragili e meno consapevoli che possono cadere in vere forme di dipendenza patologica.
Per raggiungere questi obiettivi il M5S ha chiesto che l’amministrazione comunale si impegni a stabilire la disciplina degli orari di esercizio delle sale giochi e di utilizzo degli apparecchi di intrattenimento e svago con vincite in denaro negli esercizi presenti nel territorio comunale ovvero presso bar, ristoranti, alberghi, rivendite di tabacchi, esercizi commerciali e ricevitorie, in modo che l’orario di apertura o di funzionamento degli apparecchi venga ridotto esclusivamente alla fasce orarie comprese dalle ore 9 alle 12 e dalle ore 18 alle 23. La mozione chiede, inoltre, che sia incaricato il Comando della Polizia Locale della sorveglianza e dell’esecuzione del provvedimento e all’applicazione, in caso di violazione di tutte le disposizioni previste, della sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di euro 25 ad un massimo di euro 500.

giovedì 9 giugno 2016

CANILE E ASSEGNO CIVICO, MOZIONI BOCCIATE DAL PD

Nel corso del consiglio comunale di lunedì scorso le mozioni presentate dal M5S sul canile e sull’istituzione dell’assegno civico sono state respinte dal Pd.
Avevamo chiesto alla maggioranza di avvalersi della facoltà di revoca della partecipazione alla gestione del canile intercomunale entro il mese di giugno del corrente anno per considerare altre soluzioni. Il consigliere Juri Daolmi ha, infatti, criticato la convenzione in essere, secondo cui, i costi a carico del Comune di Suzzara prevedono una quota fissa pari al 25% del costo mensile del servizio da ripartirsi in maniera direttamente proporzionale al numero degli abitanti, ma il Partito Democratico ha ribadito l’intenzione di non uscire dalla convenzione intercomunale, come hanno già fatto altri Comuni della zona (fra cui Moglia) e di attendere l’esito di una nuova gara di affidamento. “Si tratta di una scelta per noi inaccettabile, perché era necessario uscire dalla convenzione intercomunale e valutare soluzioni maggiormente vantaggiose” ha dichiarato Daolmi.
Dopo il recente no alla mozione per la ricollocazione degli operai della ex Tasselli, ne è arrivato un altro sullo stesso tema del lavoro e del sostegno al reddito. La proposta di valutare l’istituzione di una forma di assegno civico per le persone in difficoltà in cambio di prestazioni occasionali socialmente utili, approvata già in altre realtà italiane da maggioranze anche di centrosinistra, è stata respinta dalla maggioranza, che ha annunciato l’intenzione di proseguire con la Banca del Tempo in collaborazione con la Consulta del Volontariato.
“L’assegno civico non risolve il problema delle povertà, ma sarebbe un segnale importante. E’ uno strumento legittimo, che esiste da nord a sud, già attivo in diversi Comuni italiani, ma qua a Suzzara sembra impossibile da attuare. E’ un problema di volontà politica”.

lunedì 6 giugno 2016

STASERA CONSIGLIO COMUNALE: SCUOLE, ASSEGNO CIVICO E CANILE NEGLI ATTI PRESENTATI DAL M5S

Questa sera torna a riunirsi il consiglio comunale per l'approvazione del rendiconto dell'esercizio finanziario relativo al 2015. La seduta avrà inizio alle ore 21.
All'ordine del giorno vi sono anche un'interpellanza e due mozioni del MoVimento 5 Stelle.
L'interpellanza, che aprirà la seduta, riguarda una richiesta di informazioni relativa alla costruzione della scuola "Marco Polo" di via Iotti, alla luce delle notizie apparse sugli organi di stampa, in seguito all'inchiesta, che sarebbe stata aperta nel modenese nell'ambito della ricostruzione post-sisma.
I consiglieri del M5S hanno chiesto se la Giunta Comunale e, in particolare, il competente assessorato, si sia già attivato per le opportune verifiche e se all’epoca della realizzazione dell’opera siano stati condotti test sui materiali usati e, in tal caso, se sia possibile fornire al Consiglio Comunale copia dei verbali e della relativa documentazione.
In seguito, con la prima mozione chiederemo di destinare una somma congrua del bilancio all’attivazione dell'assegno civico, una misura di  sostegno sociale volta ad alleviare, in un momento difficile, il disagio economico a diverse famiglie residenti nel nostro territorio comunale.
Infine, presenteremo una seconda mozione per chiedere all'amministrazione comunale di avvalersi della facoltà di revoca dalla convenzione intercomunale per la gestione del canile.