lunedì 22 maggio 2017

MERCOLEDI' TORNA IL CONSIGLIO: 4 INTERPELLANZE E 4 MOZIONI DEL M5S

Mercoledì 24 maggio, alle ore 20.30, torna a riunirsi il consiglio comunale. La seduta in sala consiliare sarà aperta dalla sessione del question time, nel corso della quale presenteremo quattro nostre interpellanze. Chiederemo informazioni sulla situazione di degrado del parco di San Colombano e sull'abbandono di un edificio mai completato, situato nella frazione di Riva in via Soldati; cercheremo di saperne di più sull'avvio del monitoraggio della qualità dell'aria in via Nievo e su un problema riguardante la sicurezza di via Zara Chiaviche nella frazione di San Prospero.
Dopo la discussione sul rendiconto finanziario, dovrebbero essere trattate le nostre mozioni ormai in sospeso da diversi mesi: due riguardano ancora via Nievo e via Villa Inferiore, una presenta una proposta di aiuto alla nuova imprenditoria e l'ultima è relativa alla richiesta di limitare lo spandimento dei fanghi in agricoltura. Ben difficilmente saranno affrontate tutte nel corso di questa seduta e si slitterà ancora in avanti. Pensate che la prima mozione risale addirittura al 16 dicembre dello scorso anno...

lunedì 15 maggio 2017

COME AMMINISTRA IL M5S: ASSEMBLEA PUBBLICA

A Suzzara, venerdì prossimo 19 maggio, alle ore 21, presso la sala civica di via Montecchi, si parlerà di come amministra il MoVimento 5 Stelle. Ospite della serata il sindaco pentastellato di Vimercate, Francesco Sartini; con lui ci saranno anche i consiglieri regionali Andrea Fiasconaro e Stefano Buffagni. Interverranno anche portavoce della nostra provincia e di quelle vicine per dialogare e confrontarsi sui temi più attuali che coinvolgono la cittadinanza: ambiente, inquinamento, mobilità ecosostenibile, valorizzazione delle risorse del territorio ecc... Sarà un'occasione con cui ancora una volta il M5S di Suzzara intende coinvolgere i cittadini e le istituzioni in un dialogo costante e costruttivo.

giovedì 11 maggio 2017

SABATO 13 MAGGIO IL M5S INCONTRA I CITTADINI

Sabato 13 maggio dalle 10 alle 12 torneremo in piazza con il nostro gazebo informativo per incontrare i cittadini di Suzzara. Ci troverete in via XI Febbraio, in prossimità della torre civica. Ci saranno i nostri attivisti e i due portavoce in consiglio comunale per ascoltare proposte e suggerimenti, per confrontarsi sui problemi della città. Inoltre, proseguiremo la raccolta firme per richiedere l'installazione delle casette dell'acqua. Vi aspettiamo numerosi!

sabato 6 maggio 2017

CONSIGLIO COMUNALE APERTO SUL LAVORO LUNEDI' 8 MAGGIO

Lunedì sera, 8 maggio, alle ore 21 presso la sala consiliare, si terrà la seduta del consiglio comunale aperto sul lavoro, richiesto dal MoVimento 5 Stelle.
Nel documento della convocazione è specificato che per intervenire occorre presentare una domanda di partecipazione entro le ore 10 di lunedì 8 maggio, inviandola via email al Comune. Vogliamo ribadire ciò che avevamo chiesto fosse ben specificato nella convocazione, ma che, invece, non è stato scritto:
I CITTADINI POTRANNO INTERVENIRE ANCHE CHIEDENDO LA PAROLA LA SERA STESSA DEL CONSIGLIO!!! Nelle nostre intenzioni questa seduta deve essere un'occasione di confronto a 360 gradi tra istituzioni e cittadini, non una noiosa sequenza di discorsi politici.
Vi aspettiamo lunedì sera in sala consiliare! Partecipate e dite la vostra!

giovedì 4 maggio 2017

"COME AMMINISTRA IL M5S": ASSEMBLEA PUBBLICA IL 19 MAGGIO A SUZZARA

"Come amministra il MoVimento 5 Stelle": questo è il tema dell'incontro pubblico, che si terrà il prossimo 19 maggio alle ore 21 a Suzzara. Ne parleremo insieme al sindaco pentastellato di Vimercate, Francesco Sartini, al capogruppo del M5S in Regione Lombardia, Andrea Fiasconaro, e al suo collega consigliere Stefano Buffagni.
Sarà un'occasione per ascoltare l'esperienza di un sindaco del M5S di un comune, Vimercate, simile per dimensioni abitative a Suzzara, anche attraverso un confronto con i nostri portavoce in Regione e altri consiglieri comunali del M5S della nostra provincia sulle problematiche più attuali e sentite dalla cittadinanza. L'assemblea si terrà presso la sala civica di via Montecchi.

giovedì 20 aprile 2017

SPANDIMENTO FANGHI, MOZIONE DEL M5S

Raccogliendo l’invito del nostro gruppo regionale, il MoVimento 5 Stelle di Suzzara ha depositato una mozione per arginare il fenomeno dello spandimento dei fanghi in agricoltura e vietarne lo spandimento in una fascia di rispetto di 500 metri dalle abitazioni.
A livello parlamentare il M5S ha recentemente presentato una risoluzione, a prima firma del deputato M5S Alberto Zolezzi, che chiede al Governo di assumere iniziative per definire criteri di tutela dei suoli e delle falde. A livello regionale, in Lombardia, il 6 novembre 2015, è stata depositata un’interrogazione che solleva le criticità legate allo spandimento fanghi e chiede alla Giunta regionale una revisione della Legge regionale in materia, nonché un cambio di rotta nelle politiche di gestione rifiuti, con la finalità di creare una rete regionale di piccoli impianti di riciclo/riuso dei rifiuti.
Con questa mozione chiediamo l’intervento dell’amministrazione comunale per limitare sempre più lo spandimento indiscriminato dei fanghi. Anche i Comuni, infatti, hanno potestà in materia, come ha confermato una recente sentenza del Consiglio di Stato. Nella mozione, quindi, chiediamo al Comune di Suzzara di dotarsi di un regolamento sull’impiego dei fertilizzanti sui suoli del territorio comunale, contenente anche disposizioni sanzionatorie come già hanno fatto alcuni Comuni lombardi, come ad esempio il Comune di Rodigo ed alcune Province. Per questo motivo abbiamo allegato a questa mozione come proposta di regolamento quello predisposto dal Comitato Tutela Suoli Agricoli Lombardi.
Numerosi studi e ricerche hanno evidenziato il rischio che lo spandimento di fanghi in agricoltura, anche là dove questo avvenga nel rispetto dei limiti di legge, possa dare origine a fenomeni di accumulo negli anni di sostanze inquinanti e pericolose per la salute, in particolare di metalli pesanti, diossine e inquinanti organici tra cui i principi attivi dei medicinali di uso quotidiano nonché altri prodotti utilizzati per la cura e l’igiene personale. I fanghi di depurazione, infatti, non contengono solamente sostanze nutritive per le piante, come il fosforo e l’azoto, ma anche tutta una serie di inquinanti e di agenti patogeni, sostanze chimiche e farmaceutiche, derivanti dalle attività industriali e artigianali e dagli scarichi domestici.

mercoledì 5 aprile 2017

PARCO DI SAN COLOMBANO: CRITICITA' E PROPOSTE

Il MoVimento 5 Stelle ha depositato nei giorni scorsi un'interpellanza per conoscere la modalità e la frequenza degli interventi di manutenzione del Parco di San Colombano, un'importante attrattiva per i cittadini suzzaresi e, in generale, per il turismo naturalistico.
Purtroppo il fenomeno dell’abbandono selvaggio dei rifiuti non risparmia nemmeno l’area golenale e il parco,anzi spesso essi diventano, per le loro caratteristiche di essere isolati e non controllati, luoghi di elezione per disfarsi illecitamente dei rifiuti.
Le zone del parco, prive di controlli, diventano sempre più spesso scenario di inciviltà di varia natura, che va dall’abbandono di rifiuti dopo un pic-nic all’accensione di fuochi liberi (nel parco ve ne sono numerose tracce), al passaggio con mezzi motorizzati in zone in cui è vietato, solo per fare alcuni esempi.
All’inciviltà si aggiunge l’incuria, come testimoniato da staccionate rotte diventate anche pericolose, ponticelli e strutture ammalorate, dai barbecue scomparsi e mai ripristinati.
Si ha la sensazione che il Parco sia di notte che di giorno diventi una “terra di nessuno”, privo di controlli e di manutenzione, che la bellezza della natura sia sempre violata dall'inciviltà del singolo e dall'incuria delle istituzioni e non si riesca mai a goderne appieno.
Con questa interpellanza abbiamo chiesto interventi immediati per porre rimedio alle problematiche esistenti e se non sia giunto il momento di pensare a possibili soluzioni per garantire al parco San Colombano controlli, sorveglianza e cure più adeguati, coinvolgendo magari le associazioni presenti o addirittura pensando ad un ruolo attivo, nella sorveglianza e nella risoluzione immediata di piccole problematiche, della Protezione Civile, quando non sia impegnata in situazioni più critiche; nonché l’installazione di telecamere anche in quel luogo come deterrente per le pratiche scorrette e pericolose e come sistema di sorveglianza da remoto.